• 12 commenti
  • 10/02/2024 01:33

“La noia” della discussione sul limite di velocità

Premesso che NON sono ne un giornalista ne un politico, semplicemente una persona che guida. Premesso che nessuno impedisce ad altri a non andare a 30kmh anche quando il limite è di 50… Da quando a Bologna hanno istituito in varie zone il limite dei 30kmh va di moda la discussione di volerlo introdurre anche a Lucca… ogni giorno quasi c’è un articolo o gente che inneggia a questo limite. Rispetto agli anni 80/90 sono aumentati sia il numero di veicoli sia il numero di persone, non posso testimoniarlo perché sono un po’ più giovane ma parlandone mi dicono sempre tutti la stessa cosa. “Stai attento, non è più come un tempo, prima era diverso”…. Sono aumentate potenza e dimensioni delle vetture, sono aumentate le distrazioni (non parlo solo dei cellulari), sicuramente negli ultimi anni sono aumentati i deficienti…. le strade però bene o male sono rimaste quasi le stesse, sopratutto nei centri abitati , come quello di Lucca , perché vecchio. Sì proprio Lucca, che al primo cambio temporaneo di una viabilità c’è il panico, appena ce un semaforo temporaneo la gente continua a fare come gli pare imbottigliando tutto (vedasi adesso a Sant’anna ), che dalle 17 alle 19 specie nella circonvallazione è tutto imbottigliato. Posso testimoniare che per fare lo stesso percorso , adesso impiego 3/4 minuti in più rispetto a pochi anni fa. Si parla di creare una via per mezzi pesanti , nuove rotatorie bla bla bla. Ma c’è la possibilità senza distruggere qualcosa? E le tempistiche? Per non parlare dei disagi…. E ricordatevi che se si chiamano incidenti un motivo c’è, può accadere a 20kmh come a 80kmh , ma pur sempre incidente è, dubito che qualcuno si svegli la mattina per schiacciare il vecchietto sulle strisce (o fuori), o per cascare dalla bici sulla strada (magari con la ciclopedonale accanto). Ci si può distrarre , si può sbagliare sia a 30 che a 50kmh e dubito che una persona investita si senta bene. Significato della parola : Avvenimento inatteso che interrompe il corso regolare di un'azione, dal latino Casus calamitas… Pertanto io chiedo a coloro che vogliono questi 30kmh, perché ?? Credete davvero che si risolvano incidenti, che lo scorrimento del traffico migliori, avete conoscenze a Bologna e vi hanno detto che è molto meglio così? Avete studiato per poter fare un ragionamento simile? Meglio Bologna? Benissimo, è un’ora e mezzo di strada da Lucca , nessuno vi impedisce di trasferirvi la. Se a Bologna , così come qualsiasi altra città, può andar bene, non significa che automaticamente vada bene in tutto il territorio. Concludo con “se volete andar piano, se avete paura, se se se, o andate a piedi o ve ne state a casa, o andate al parco sotto casa non so… ma non stressate il prossimo” 50kmh nei centri abitati basta, ci sono già ottocento dossi artificiali…
JJ

I commenti

Lo ripeto, cari Signori, "andà forte" può provocar la morte di persone che non c'entrano nulla. Per cui i limiti, siano essi 30 o 50, vanno rispettati ed oggi, a Lucca, questo non succede. Per cui lasciamo pure i limiti attuali, ma facciamoli rispettare!

Anonimo - 13/02/2024 02:35

Il limite di 50 è più che sufficiente ad evitare di uccidere. Abbassarlo a 30 significherebbe porre l'evitare un rischio (che comunque succede ad un automobilista ogni centomila) al primo posto rispetto ai motivi per cui si guida tutti i giorni, ognuno di noi (spostarsi in modo fulmineo e con comfort). Un rischio così basso non può tenere al guinzaglio un'intera RAZZA (quella Umana, lo chiarisco per evitare fraintendimenti). Il pugilato poi è un esempio di cui discuterei volentieri: quello fatto bene, ne esci non dico indenne ma di certo non come nei film di Rocky. Proprio perché anche la potenza più apparentemente brutale è già perfettamente sotto controllo con regole e cervello. Se una cosa non ha una probabilità di accadere superiore al 30% (e un incidente pro capite non lo è) non può dettare legge. Va annoverate nelle fatalità che si cerca di evitare ma non può dettare legge.

Quando fu chiesto al Ministro di non-ricordo-cosa di mettere i limiti di velocità in Germania sulle autostrade (non ce ne sono) dopo un incidente in cui 4 persone erano morte guidando ad oltre 320 all'ora, lui rispose in diretta tv, "Non toglieremo la libertà ad 80 milioni di tedeschi perché 4 di loro non l'hanno saputa gestire o sono stati sfortunati".

In senso generale, è malsano mettere ciecamente l'evitare i rischi al primo posto nella pianificazione di qualsivoglia cosa. Le limitazioni anti-rischio devono essere commisurate alla percentuale di rischio, e quella di un incidente con il limite a 50 è già quasi zero, non serve rovinare la vita a milioni di guidatori per abbassare tale rischio ulteriormente.

Anonimo - 12/02/2024 14:54

E' che occorre equilibrio tra troppa libertà e troppa prevenzione. Il mondo non deve essere un far west ma nemmeno un asilo nido.

Il 90% delle zone con limite a 50 un tempo aveva limite 70, così come fino a 20-30 anni fa non c'erano leggi contro il bere prima di mettersi al volante, o se c'erano non erano così restrittive.

Forse era troppa libertà.

Oggi ci si propone non solo di riconfermare gli abbassamenti a 50 ma addirittura di portarli a 30.

Questo vuol dire un mondo a misura di bebè.

Io dico che le cose come sono ora sono equilibrate. Lasciamole così.

Anonimo - 12/02/2024 02:20

Per me va benissimo esser liberi di ammazzarsi. Infatti sarei il primo ad incazzarmi se facessero leggi che proibiscano l'automobilismo sportivo, l'alpinismo o il pugilato!! Un po' diverso è però se uno, per fà vel che ni pare a lu, ammazza qualcuno che non c'entra nulla. Per cui si, se lé vol' andà forte 'n machina, farebbero benissimo a metterle il limitatore!! Io ad esempio sono contrario al cambio automatico. L'automobile deve andare con la marcia che decido io! Ma la velocità no! Giocare con la velocità vuol dire mettere al rischio terze persone....

Anonimo - 11/02/2024 21:44

Presto le automobili col satellite funzioneranno come col limitatore sui cinquantini...
In un Paese dove pressoché tutti quelli che vanno al potere, hanno sempre, e lo faranno nei secoli, strizzare l'occhio sottobanco alla marea di evasori fiscali ai quali fanno pure i regali, con gravissima offesa a tutti gli onesti che RISPETTANO LE RGOLE CIVILI (me compreso)!
Sogni sogni, sognare non ha mai fatto male a nessuno.
E se lo ricordi quando sarà in un letto di ospedale ad imprecare.
Ahr! Ahr! Ahr!

... - 11/02/2024 12:01

Insomma saremo schiavi privi di potere decisionale. Se quello è il mondo che vi sta simpatico, non stupitevi se chi ha cervello preferisce un mondo pieno di rischi ad uno pieno di schiavi e (per ora) chi fa le leggi non sta a sentire la vostra follia. Restare vivi non è la cosa più importante della vita, essere liberi lo è.

Anonimo - 10/02/2024 22:50

A me, tanto per fare un esempio, rompete un bel po' il cXXXo! Vado sulla circonvallazione a 40 - 50 perché mi sento sicuro ad andare come vado. Vedo siluri che mi sorpassano con manovre che definire a "billo di cane" è un complimento. Vedo gente che mi sfanala e mi manda affanculo ad ogni pié sospinto. Ora, non pretendo che la vostra energia interiore vi porti alla velocità di 50 Km/H come la mia! Ognuno ha la sua energia interiore!! Però, visto che il limite di 50 c'è, gradirei non essere mandato in culo e soprattutto gradirei non trovarmi in mezzo a gente che fa manovre pericolose. Penso non ci sia bisogno di spiegare il motivo della seconda cosa che non gradirei. Le faccio presente che, da giovane, anch'io avevo il piedone più peso di oggi, ma quanto meno evitavo di mandare a quel paese chi semplicemente rispettava il limite. Infatti ero cosciente di non aver proprio ragione nel pretendere che un povero Cristo superasse il limite per farmi un piacere. Se ci riuscivo sorpassavo e basta.

Anonimo - 10/02/2024 22:43

Perché esiste già la tecnologia per rendere obbligatorio il rispetto di un qualsiasi limite di velocità. Presto le automobili e motociclette saranno tutte collegate ad un sistema satellitare, il quale avrà in memoria tutti i limiti di tutti i comuni d'Italia. Il sistema attiverà un limitatore, per cui, quando uno entra in una strada con limite a 50, hai voglia di stiaccià 'l pedale!!! L'automobile i 50 non li supererà e non li potrà superare. Detto questo oggi Lucca è un far west dove tutti fanno al volante i cazzi che vogliono .... e manca lo sceriffo!!!

Anonimo - 10/02/2024 21:28

A 30 all'ora ci vanno le macchinine elettriche di plastica della Peg Perego. Nel traffico, nella nostra vita piena di problemi, doveri, piena di vita, uno non può rischiare di prendere una multa perché per un attimo è andato a 40 invece che a 30. Gli umani moderni godono ad autotorturarsi, basta vedere quello che stiamo permettendo di fare alle minoranze (di ogni genere), farci sentire in colpa di essere normali. Io sulla Circonvallazione non vedo nessuno andare a meno di 70 e molti anche a 90, specialmente la notte. Se tutti fanno una cosa, o si dimostra che è sbagliata di base (tipo che ne so Hitler vinse le elezioni legalmente, a riprova che a volte anche se una cosa è democraticamente scelta, è sbagliata), ma ciò è raro, o vuol dire che quella è la norma.

anonimo - 10/02/2024 18:49

Classico discorso a bischero. Veramente da manuale. Perfetto! Esiste tutta una bibliografia e una enorme massa di dati sperimentali sul limite dei 30 km/h; le prove della diminuita incidentalità e della fluidificazione del traffico sono tanto numerose quanto inconfutabili. Ogni discussione si riduce a questo: il limite a 30 è razionale e quanto mai opportuno per i benefici che ne trae la collettività, ma c'è sempre Il bischero convinto di essere più furbo degli altri, più bravo, più intelligente, più ganzo e che vuole andare alla velocità che gli pare, decidendo di testa sua cosa è giusto e cosa è sbagliato.

anonimo - 10/02/2024 15:33

Mi sembra da stupidi discutere in modo assoluto su 30 km/h oppure no. I limiti vanno messi, anche a 20 se serve, con barriere dissuasori e controlli. Dove si può andare a 50 in sicurezza si vada a 50 (con i controlli).

Lucq - 10/02/2024 13:52

In proposito degli 'avvenimenti inattesi', da ragazzo sono stato ricoverato diverse volte, in due anni e mezzo, in ortopedia a Pisa per mettere e togliere il busto di gesso per problemi della 'crescita' alla mia spina dorsale.
Un giorno tra i tanti (ne ho visti assai di casi di varia natura) arriva nella stanza accanto un ragazzo, avrà avuto 18-20anni, dopo incidente in moto fatto tutto da solo, gli avevano amputato entrambe le gambe, Urlava a nottate, e tra gli urli, forse il risveglio della mente, urlava cose leggermente differenti da quello che nomina Lei, 'avvenimenti inattesi'.
E' un classico. Prima dell'evento, padroni dell'universo in un torpore mentale perenne, direi quasi oppiomani di 'vita' metafisica, quando vi 'svegliate' (forse purtroppo per me, son sempre stato 'sveglio' fin da piccolo per esperienze osservate sugli altri), allora veramente son dolori e solo allora 'realizzate' che poi tanti, troppi, non sono avvenimenti poi così 'inattesi'.
Oggi 2023, a prescindere da qualsiasi segnale stradale, in ambiente urbano, con traffico ordinario, la velocità media effettiva si attesta sui 25-30 km/h. E questa è Fisica.
Comunque, essendo rappresentante di sparutissima minoranza,
che la grande commedia continui!

... - 10/02/2024 13:17

Gli altri post della sezione

Pomeriggio letterario

Domenica prossima, 25 febb ...