• 5 commenti
  • 20/11/2022 10:42

QATAR : LA COPPA DEI MONDIALI ASSASSINI

QATAR : LA COPPA DEI MONDIALI ASSASSINI. 

 VOLUTI DAL CAPITALISMO LIBERISTA CORROTTO E CORRUTTORE

 

Nel 2010  Doha si è vista aggiudicare l’Organizzazione dei mondiali di calcio: la Fifa assegnò la coppa del Mondiale al Qatar attraverso una colossale corruzione svelata successivamente dal da “France Football” che vide tra i diversi  dirigenti del calcio mondiale corrotti dal “Principe ereditario del Qatar Tamin bin Hamad al-Thani, tra cui  anche  l’allora presidente della Uefa Platini e l’ex Presidente della Francia Sarakozy.

Il Qatar ha una popolazione di circa 2 milioni di abitanti, arricchita negli ultimi 70 con la scoperta immensa del petrolio...  ed altri due milioni di lavoratori , sono migranti provenienti da paesi stranieri  soprattutto asiatici ed africani  . Esso è governato da un sultanato della famiglia Al-Thani , dove i diritti civili e sociali sono negati,  con le donne che devono ottenere il consenso dal maschio per qualsiasi cosa esse desiderano fare e gli “omossessuali” sono incarcerati

 

GLI STADI SONO STATI COSTRUITI CON IL SANGUE DEI LAVORATORI

Al migrante lavoratore che entra i Qatar, gli viene fatto firmare un contratto capestro con una paga di circa 350 euro mensili ed un orario di lavoro che nei mesi estivi è di 10 ore giornaliere  a 45 gradi centigradi  . Il datore di lavoro gli sequestra il passaporto  e lo riconsegna alla fine del contratto impedendogli di poter cambiare impiego .

Da un’indagine svolta, sui lavoratori provenienti da 5 Paesi ( India, Bangladesh, Siri Lanka, Pakistan , Nepal) ,nella costruzione degli stadi in 10 anni 2010- fine 2020)  sarebbero morti ben 6,500 lavoratori... ma la cifra è per difetto perché  non sono stati conteggiati i lavoratori provenienti dal Kenia e dalla Filippine, nonché i morti del 2021.2022.  L’autorità Mondiale per la Pianificazione e le Statistiche, ha pubblicato dei dati che vede tra il 2010 ed il 2019  15,021 lavoratori stranieri le cui cause dei decessi  non sono nemmeno indicate dall’autorità del Qatar , solo per il 28% di essi è stato indicato un  infarto ,contro il 3% degli altri cittadini del Qatar  .

La cosa ancor più grave che a seguito delle morti per incidenti sul lavoro i familiari delle vittime non possono richiedere nemmeno il risarcimento del danno subito in quanto le autorità la caduta da un ponteggio con la morte del lavoratore immigrato viene considerata morte naturale...e non esistono gli infortuni o incidenti sul lavoro.  Quindi nessun familiare in base alla legge infame di quel Paese può essere risarcito.

 

GLI STADI SONO STATI COSTRUITI CON IL SANGUE DEI LAVORATORI

Al migrante lavoratore che entra i Qatar, gli viene fatto firmare un contratto capestro con una paga di circa 350 euro mensili ed un orario di lavoro che nei mesi estivi è di 10 ore giornaliere  a 45 gradi centigradi  . Il datore di lavoro gli sequestra il passaporto  e lo riconsegna alla fine del contratto impedendogli di poter cambiare impiego.

LA FIFA HA LA RESPONSABILITA’ MASSIMA DEI MONDIALI DEL 2022 e dovrebbe richiedere lei il risarcimento per le vittime morti sul lavoro o sfruttati come schiavi, ponendo un rimedio o almeno un limite al super-sfruttamento dei lavoratori d alla negazione di ogni diritto sociale e civile.... ma non viene fatto perché quello che conta è i business che frutterà circa sei miliardi di euro... Ma ciò non potrebbe avvenire se non ci fosse la complicità di tutti i Paesi ed i governi che partecipano ai Campionati del Mondo.

L’Italia non si salva... ha interessi milionari in quell’area e l’unico fatto positivo è la non partecipazione della squadra di calcio italiana ai mondiali del Qatar, ma solo perché essa non potrà partecipare in quanto  è stata sconfitta da altre squadre.

 

Umberto Franchi  19/11/2022

I commenti

Senza che lei se ne renda conto, ha centrato involontariamente il punto di chi si lamenta del Qatar. E lo ha centrato quando ha scritto 1978. Vent'anni dopo un genocidio, una guerra di mezzo decennio, dove furono usate armi nucleari. Era la seconda metà del ventesimo secolo, l'epoca dalla RAF in Germania, gli Anni di Piombo, lo stragismo mafioso. Oggi siamo nel fottuto 2022. Oggi tutto questo è inaccettabile.

anonimo - 23/11/2022 16:29

....non scherzava in ferocia del regime. Gli oppositori sparivano di circolazione, venivano imprigionati, torturati e in molti non sono usciti vivi dalle galere. A seconda delle stime tra 10.000 e 30.000 oppositori del generale Videla vennero sequestrati ed uccisi. Eppure i mondiali di calcio ci furono. Per non tirar fuori tutta la faccenda della coppa Davis in Cile.

Anonimo - 23/11/2022 01:13

Riflessione non da poco. La mia opinione è che esistano paletti da non superare. Ad esempio, la Russia del 2018 era al limite ma passabile, simile a tutte le altre nazioni che lei ha elencato. La Russia di oggi, che ha letteralmente iniziato una guerra delirante, li ha travalicati. Quindi giusto escluderla. I mondiali invece in Qatar ci si stanno svolgendo, a riprova che il mondo la pensa come lei, disapprovare senza però iniziare una caccia alle streghe.

Poi, se chiede la mia opinione, a me e solo a me, sì, lo sport andrebbe organizzato solo nelle nazioni democratiche, dovremmo dare a tutti quei regimi che opprimono i deboli un messaggio forte, di quanto disprezziamo il loro operato. Poi, se chiede la mia opinione, a me e solo a me, io ho sempre pensato che fosse legittima un'ultima guerra per porre fine a tutte le guerre, un'invasione militare di ogni nazione ostile alla democrazia occidentale (che fa schifo, è ipocrita, consumista, capitalista, moralista, insomma è il male, ma è comunque meno male delle nazioni dittatoriali che sono ancora peggio), così da ridurre i loro governi a satelliti di Europa e USA (per parafrasare Churchill, le nazioni peggiori del mondo, ma non ne conosco di migliori) e costringerli a capire che se non vogliono ritrovarsi embargati o bombardati la devono smettere di essere quello che sono, perché siamo 8 miliardi su un pianeta che ne regge al massimo 2 quindi farebbe solo bene a tutti se morissero 6 miliardi di umani molto in fretta e per una qualunque ragione, quindi siccome a nessuno mancherebbero i dittatori cinesi, o quelli russi, o i narcos sudamericani, o i terroristi nascosti in Africa, sarà il caso che la smettano di cagare il cazzo o parte qualche missile nucleare. L'essere umano è prepotente per natura, esiste chi sa frenarsi e chi lo freni solo col terrore, io sono pacifista e di sinistra e non sarò mai a favore di un interventismo militarista o un leccaculo della NATO, ma sono anche pragmatico. Esiste il duo UE - USA, che disprezzo con tutto me stesso, ed esiste il resto del mondo (soprattutto il blocco asiatico), che è ancora peggio. Noi del mondo civile tolleriamo l'infamia del loro modo di esistere basato sulla loro religiosità delirante, le epurazioni, l'intolleranza, ecc, ma se cagano troppo il cazzo, scopriranno che nessuno domattina sentirebbe la loro nostalgia se a svegliarci fosse il bagliore non del Sole ma dei funghi atomici in lontananza. Anzi, verosimilmente non li vedremmo nemmeno. Come stava scritto sulla ghigliottina, e come andrebbe ricordato a fascisti italiani e dittatori in giro per il mondo, "Nessuna libertà (nemmeno quella di vivere) per i nemici della libertà". A mio dire, nella lista dei nemici della libertà, ci stanno alla grande anche USA e UE, con i loro governi, le loro tasse, le loro religioni, ma almeno in queste nazioni ci puoi vivere dissentendo, più o meno in qualunque altre luogo del mondo invece no.

Anonimo - 21/11/2022 13:16

Dove si sono svolti i campionati del mondo di calcio del 2018??? Lo stato in cui si sono svolti i mondiali del 2018 come tratta le minoranze etniche? Come tratta gli omosessuali? Come si comporta (e si comportava) con gli stati vicini? Come si comporta con gli avversari politici di chi governa da 22 anni?

Dove si svolsero i mondiali di calcio del 1978?

Dove si svolsero le olimpiadi del 1980? E le olimpiadi del 2008???

Risparmio gli eventi ante II guerra mondiale, perché sono lontani, ma certo si svolsero in stati, compresa l'Italia, governati da dittatori.

Dal che deriva la seconda domanda: Gli eventi sportivi debbono svolgersi solo in nazioni democratiche? In linea di principio sarebbe anche giusto, ma non si rischierebbe di finire in un pelago?!?! Se gli atleti possono partecipare, perché il loro paese non può organizzare eventi? Chi se la sentirebbe di escludere la potentissima Cina dallo sport?? Eppure la Cina ha schiacciato la democrazia ad Hong Kong, perseguita i tibetani, gli Uiguri, minaccia i taiwanesi, imprigiona i dissidenti. Come la mettiamo? Lo so che oggi le squadre russe (e non gli atleti) sono escluse dallo sport. Io, se avessi qui davanti un pulsante per far esplodere l'edificio in cui si trova Putin premerei di sicuro, ma penso che l'esclusione delle squadre russe non abbia senso perché, con lo stesso metro, andrebbero escluse quelle cinesi, iraniane, saudite, turche, ecc. Lo ripeto, si va in un pelago tempestoso!! Lasciate quindi svolgere i mondiali in Qatar, magari sperando che qualche atleta li utilizzi per criticare ogni forma di oppressione.

Anonimo - 21/11/2022 02:19

Anche io l'ho capita poco questa cosa. Ok passi per il capitalismo sfrenato, lo odio ma accetto che il mondo non si basi su favole e ideali, però mi sembra che qui siamo all'assurdo. Lo sanno tutti che ci sono delle cose abominevoli dietro a questi mondiali, perché è avvenuto tutto nel silenzio più assoluto?

Anonimo - 20/11/2022 13:17

Gli altri post della sezione

NON SE NE POLE PIU’

Basta basta veramente ques ...

Marione 1 Alessandrino 0

Ha accesso più Alberi di ...

Per le donne Iraniane

Il Terzo Polo, Azione e It ...

sotto le mura storiche

Beh se dicessi alla mia fi ...